I miei progetti e le mie realizzazioni


Antenna da campo n1: è alta circa 5 m, per avvicinare il più possibile la lunghezza fisica a quella elettrica in ogni banda, lo stilo di alluminio è costrituito da cinque sezioni staccabili con attacco a vite; in tal modo l'altezza dello stilo è prossima alle “lunghezze naturali” del quarto d'onda nelle varie bande radioamatoriali (questo ovviamente non succede sulle sole gamme dei 30 e dei 40 metri, dove comunque il rendimento resta elevato, considerato che si tratta di una installazione “portatile”). Il rendimento dell'antenna si avvicina moltissimo a quello di un' antenna “full size” su ogni banda ed è alimentabile direttamente con il cavo coassiale 50 ohm senza bisogno di accordatore

Una volta installata, e montato il numero di stili necessario per avvicinarsi il più possibile a un quarto d'onda della frequenza da utilizzare, far scorrere lungo la bobina l'anello di sintonia (costituito da un semplice contatto strisciante a molla, che cortocircuita parzialmente l'induttanza, montato su un cerchietto in nylon e collegato allìingresso della bobina stessa) fino a ottenere un SWR almeno minore di 2:1 regolare poi i radiali secondo la tabella in dotazione all'antenna. Un valore di SWR minore di 2:1consente già un buon carico di uscita dal trasmettitore non risultando dannoso per la maggior parte dei finali di potenza. Solitamente si riescono ad avere valori di SWR davvero minimi e con una lunghezza di cavo di alimentazione di 10 metri le perdite di di linea saranno comunque trascurabili! Da tener presente che il ROS basso non sempre vuol dire alta efficienza del sistema, per questo consiglio a chi sia in possesso di un analizzatore di antenna di cercare il minimo valore di SWR possibile, associato alla minor reattanza possibile altrimenti è preferibile un SWR leggermente più elevato che un alto valore reattivo del sistema. Il sistema di sintonia ad anello si utilizza facendo scorrere l'anello per la sintonia “grossa “ e ruotandolo in senso orario o antiorario per quella fine.

Con due sezioni dello stilo si coprono i 10/12/15/17e20 metri, con tre sezioni le gamme dei 17/20/30e40 metri, con quattro sezioni le gamme dei 20/30/40 metri, con cinque sezioni le gamme dei 30 e 40 metri.

Essendo un'antenna alimentata in corrente, ha bisogno di radiali alla base lunghi 1/4 d'onda per avere perdite minime, aumentando il numero dei radiali aumenta l'efficienza del sistema anche se la taratura si fa ovviamente più complessa.

La lunghezza effettiva dei radiali potrà essere aggiustata in relazione alla natura del terreno e degli eventuali ostacoli prossimi al sistema.  

Nella maggior parte dei casi l'antenna ha bisogno solo di piccole correzioni di taratura per coprire tutte le bande dai 40 ai 10 metri con SWR accettabile ( al di sotto di 1:1,8) talvolta però a causa di particolari condizioni logistiche: presenza di ostacoli o masse riflettenti nelle vicinanze, impossibilità di sistemare il radiale completamente estesi o terreno con erba molto alta ecc. potrebbe non essere molto semplice regolarla. In questo caso consiglio di utilizzare come contrappeso, un solo filo di 10 metri circa provando con successivi tentativi a ripiegarlo su se stesso linearmente (o avvolgendone l'estremità) fino a trovare un basso valore di ROS. Qualora non si riesca a scendere al di sotto di SWR 2:1 si consiglio l'utilizzo di un accordatore L'antenna comunque non mancherà di dare dei buoni risultati !